HOME

giovedì 20 aprile 2017

Mondobaby La fascia portabebè

Da alcuni anni, anche in Italia si è diffusa l'abitudine di  "portare" i bambini.
E' il cosiddetto babywearing (chiamato anche "l'arte del portare") 
 Bandite le carrozzine, i bebè si avvolgono in una lunga fascia che, seguendo una tecnica precisa si lega attorno al corpo della mamma o del papà.
 Così il piccolo è sorretto internamente a diretto contatto con il genitore racchiuso in un abbraccio che lo culla e si dimostra ottimale fin dalle prime settimane.
 Quella del portare i bimbi nelle fasce è un'usanza che arriva da lontano dei paesi africani ma anche in Perù ad esempio, le popolazioni la adottano da sempre per gestire figli e lavoro e le fasce vengono tramandate di generazione in generazione, in quei paesi bambini si portano  sulla schiena solo in Occidente si tengono davanti,  in verità la posizione migliore è proprio quella posteriore perché facilita l'apertura delle gambe del piccolo.

Il contatto madre figlio innesca una relazione profonda, il bimbo  viene cullato in un moto continuo, e naturale che lo rilassa, il contatto è totale, il capo ben sostenuto e il peso ben distribuito, inoltre si ha il vantaggio di avere le mani sempre libere, in modo da poter lavorare in casa o fare la spesa, evitando il  il rischio di displasia dell'anca per questo le fasce vengono consigliate alle neo mamme, ma vediamo ora i vantaggi 


portare la fascia aiuta a :
  • consolidare il rapporto genitore figlio
  •  ridurre le crisi di pianto
  •  alleviare le coliche
  • calmare piccoli iperattivi 
  • favori il sonno
  •  infondere sicurezza del bambino
  •  comunicare con lui
  •  proteggerlo dalla posizione elevata di fumi   inquinanti delle auto
  •  muoversi liberamente
  •  allattare in posizione comoda
inoltre è economico sicuro divertente 
E' una soluzione  molto diversa dal marsupio che è  comodo ma che non segue le curve naturali del corpo  non sostiene del tutto il bimbo e non consente un contatto totale.

Fonte Io e il mio bambino






1 commento:

  1. Ciao, che bell'argomento, poi sai che non conoscevo la storia di questa interessante fascia, che fa crescere l'intesa tra genitore e figlio, complimenti!

    RispondiElimina